L’assegno mensile

ASSEGNO MENSILE

L’assegno mensile

L’assegno mensile spetta agli invalidi civili, sordomuti e ciechi civili che presentino una sensibile riduaizone della capacit√† lavorativa e che vertano in stato di bisogno economico e di mancato collocamento lavorativo. E’ stata istituita dall’articolo 13 della Legge 30 marzo 1971, n. 118 e prevede dei limiti di reddito personale che non devono essre superati per ottenere tale pensione. I limiti vengono fissati annualmente.
Il pagamento della pensione viene effettuato dall’INPS in rate mensili.

Le condizioni per ottenere questa pensione sono:

PERCENTUALE INVALIDITA’ CIVILE: 74%¬†

ETA’: compresa fra i 18 e i 65 anni

CITTADINANZA: italiana o UE residente in Italia. I cittadini extracomunitari hanno diritto alla pensione purchè in possesso del permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo.

SITUAZIONE LAVORATIVA: fornire annualmente all’INPS un’auto-dichiarazione in cui certifica di non svolgere alcuna attivit√† lavorativa.

Ogni anno si ridefiniscono gli importi di pensioni, assegni e indennit√† per invalidi civili, ciechi civili e sordi, in base a inflazione e costo della vita, con anche i limiti di reddito che non devono essere superati nel caso di alcune di queste provvidenze economiche. Per il 2015 gli importi e i limiti sono stati comunicati dall’INPS nella Circolare del 9 gennaio 2015

La pensione di inabilit√† , istituita dall’articolo 12 della Legge 30 marzo 1971, n. 188, viene concessa alle persone alle quali sia stata riconosciuta una percentuale di invalidit√† del 100%, in et√† compresa tra i 18 e i 65 anni.

Questo sussidio √® dedicato alle persone che vertano in stato di bisogno economico, prenedndo in considerazione il solo reddito personale. La pensione viene erogata dall’INPS in 13 mensilit√†, e il limite reddituale previsto per il¬†2014 √® di Euro 16.532,10. (Per approfondire clicca qui). Tale pensione non √® soggetta ad IRPEF.

La pensione spetta in intera misura anche se la persona invalida è ricoverata in istituti o case di riposo private, ed anche in strutture pubbliche che provvedono al suo sostentamento.

La pensione di inabilit√† √® compatibile sia con l’attivit√† lavorativa che con la patente di guida.

Oltre il 65¬į anno di et√† la pensione si trasforma in assegno sociale.

¬†L’assegno mensile spetta agli invalidi civili, sordomuti e ciechi civili che presentino una sensibile riduaizone della capacit√† lavorativa e che vertano in stato di bisogno economico e di mancato collocamento lavorativo. E’ stata istituita dall’articolo 13 della Legge 30 marzo 1971, n. 118 e prevede dei limiti di reddito personale che non devono essre superati per ottenere tale pensione. I limiti vengono fissati annualmente.
Il pagamento della pensione viene effettuato dall’INPS in rate mensili.

Le condizioni per ottenere questa pensione sono:

PERCENTUALE INVALIDITA’ CIVILE: 74%¬†

ETA’: compresa fra i 18 e i 65 anni

CITTADINANZA: italiana o UE residente in Italia. I cittadini extracomunitari hanno diritto alla pensione purchè in possesso del permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo.

SITUAZIONE LAVORATIVA: fornire annualmente all’INPS un’auto-dichiarazione in cui certifica di non svolgere alcuna attivit√† lavorativa.

Ogni anno si ridefiniscono gli importi di pensioni, assegni e indennit√† per invalidi civili, ciechi civili e sordi, in base a inflazione e costo della vita, con anche i limiti di reddito che non devono essere superati nel caso di alcune di queste provvidenze economiche. Per il 2015 gli importi e i limiti sono stati comunicati dall’INPS nella Circolare del 9 gennaio 2015

FONTE:  http://www.disabili.com/legge-e-fisco/speciali-legge-a-fisco/invalidita-civile

Utenti online